INNEVIAMO LE ALPI CON IL POLISTIROLO?

L’imballaggio, nella società moderna, viene considerato quasi un male necessario: sarebbe auspicabile, invece, rivedere tutta la normativa in materia per cercare di limitarne l’uso. Fra i vari materiali utilizzati forse il più comune è il Polistirene espanso (EPS). Chiamato erroneamente polistirolo, è un polimero che si presenta in forma di schiuma bianca e leggera spesso modellata in sferette. Il polistirene espanso è un ottimo materiale per imballaggi e per l’edilizia, ha buone proprietà meccaniche, ottimo isolante, assorbe gli urti, non assorbe acqua ed è leggero. Se da una parte la leggerezza del materiale (fino al 98% di aria) è una proprietà importante, dal punto di vista del riciclaggio, invece, questa caratteristica rappresenta una forte limitazione. Trasportare polistirene espanso ha costi proibitivi: 40 m3 pesano solo 300 kg. Ecco il motivo principale per cui questo materiale a volte è assente fra le voci che costituiscono la frazione “plastica” della raccolta differenziata (solo 15.000 ton raccolte in Italia). In Europa consumiamo annualmente circa 1 Milione di tonnellate di EPS ovvero oltre 100 Milioni di m3. Tanto per avere un’idea dei volumi, il ghiacciaio del Monte Bianco ha circa 15000 m3 di ghiaccio, pertanto con le palline derivanti dalla frantumazione dell’ EPS potremmo tranquillamente innevare le Alpi.

La frazione di EPS raccolta può essere invece interamente recuperata mediante: utilizzo diretto, compattazione, rigranulazione, pirolisi, gassificazione e termovalorizzazione. A queste voci si può inoltre aggiungerne una ancora più interessante: il recupero della materia prima (stirene) mediante la depolimerizzazione. Non è facile ottenere il monomero con un alto grado di purezza, però nella letteratura scientifica sono riportati lavori promettenti dal punto di vista del grado di conversione (oltre l’80%). A questo punto rimane il problema del trasporto nell’impianto (perchè non scioglierlo in un solvente?) e dei ritardanti di fiamma, ma questo è un altro discorso da affrontare successivamente perché interessa la nostra salute e non solo il polistirene espanso.

Un commento per “INNEVIAMO LE ALPI CON IL POLISTIROLO?

  1. Bell’ articolo: ben scritto e semplice. Ci fornisce dati molto importanti ed interessanti e ci informa molto chiaramente di come potrebbe essere uno dei materiali più usati nella vita quotidiana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>