Attività: valutazione delle potenzialità idroelettriche in Costa Rica

di Andrea Micangeli

Il lavoro in Costa Rica si fa sempre più interessante e “avventuroso”. I candidati ingegneri Riccardo Di Gennaro e Alessandro Veloce, assieme al Sottoscritto e all’ing. Josè Corrales, si sono immersi nella fitta vegetazione di una collina a nord ovest rispetto alla capitale costaricana, per studiare e applicare nuove tecniche di valutazione delle potenzialità idroelettriche nell’ottica della progettazione di possibili futuri impianti. Queste tecniche uniscono la “fotogrammetria terrestre” e l’applicazione di modelli di “downscaling” che permettono di analizzare le relazioni tra le proprietà statistiche di eventi di precipitazione misurate su larghe scale di aggregazione (sinottiche) e quelle osservate su scale inferiori (convettive). La rilevazione dei dati bruti però necessita dei metodi più “tradizionali” che spesso si traducono in: “braghe-in-acqua”.
In queste foto è documentata la prima esplorazione. E’ stata eseguita una campagna di misure GPS per georefenziare i punti in cui sorgeranno: l’opera di presa, la casa macchine e l’invaso per l’accumulo dell’acqua durante la stagione umida. Di fondamentale importanza è stata l’ubicazione del punto di captazione, necessaria per delimitare la porzione di bacino idrografico che contribuisce ai deflussi. Grazie ai colleghi dell’Universidad Nacional (UNA) è stato possibile, in seguito, ottenere la delimitazione del bacino attraverso elaborazione grafica in ArcGis. Inoltre, avendo a disposizione le curve di livello del “Proyecto Planeta Tierra”, siamo stati in grado di elaborare il modello digitale di elevazione del terreno (DEM). Con queste valutazioni e l’attento studio del miglior possibile percorso del canale/galleria si è riusciti, quasi, a raddoppiare la potenzialità di generazione precedentemente studiata con tecniche tradizionali e largamente diffuse in Costa Rica (le quali si basano sullo studio della cartografia 1:10.000 aggiornata al 1978). Questo ha reso sicuramente più “appetibile” ed accettabile sia dal un punto di vista economico e sociale sia rispetto al suo impatto ambientale la realizzazione dell’impianto idroelettrico oggetto dello studio. Questa metodologia e questa tecnica d’analisi potrà essere facilmente riproposta in molti altri bacini idrografici non strumentati (dove non si dispone di stazioni idrometriche) per il calcolo dei deflussi idrici superficiali.

Andrea Micangeli

2 thoughts on “Attività: valutazione delle potenzialità idroelettriche in Costa Rica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*