Qui Santiago de Cuba .. post Sandy

di Andrea Micangeli

Il Sandy rimarrà nella memoria per il black-out di NYC, ossia niente, rispetto alle devastazioni che ha causato quando era la massimo della sua potenza sulle isole caraibiche! Un po’ per caso, ma molto per scelta del Prof. Sciubba e del Sottoscritto, abbiamo deciso di partecipare alla Conferenza Sulla Meccanica ed Energia, nonostante i gravi disagi che avrei incontrato sul campo. Sia per il forte interesse che avevamo nella Conferenza, sia per i Colleghi che mi aspettavano, sia per solidarietà con il Dipartimento di Meccanica. Effettivamente ne è valsa la pena, perché in pochi giorni la “risposta” alla reale devastazione di alcune città

come questa, è stupefacente vi mostro: le foto dell’albero caduto sul cancello della casa del Collega Luis Seisdedos (che mi ha ospitato), il lavoro svolto dalla sua famiglia sia in casa sia in facoltà, il Vice Rettore che si è tolto il guanto da lavoro con cui stava spostando tronchi da quattro giorni, i tetti divelti delle case, università e dell’unico grande albergo “Santiago”, che mi ha fatto preferire, come spesso faccio, l’accoglienza in casa, una delle poche disponibili, perché alle altre o mancava del tutto luce ed acqua oppure ospitavano parenti più danneggiati dall’uragano.

La parte scientifica della conferenza non è passata in secondo piano, sia per l’impatto della nostra proposta di studio secondo modelli “exergetici estesi”, sia perché tra i pochi Colleghi che hanno scelto di arrivare come il Prof Fabio Sierra, dalla Colombia, che ha spiegato l’applicazione dei Gassificatori all’artigiananto della Ceramica nella zona centrale del suo Paese. Da non trascurare gli interventi dei Professori ospitanti… ma non è questo il luogo, di stendere gli atti della Conferenza, mentre ritengo di vitale importanza la prontezza del “rimedio” in un Paese, Cuba, che ugualmente non assisteva a tanta violenza da più di un secolo, le foto che riporto parlano con estrema chiarezza…

Mistero della “fede” tra gli alberi divelti e i tetti volati via, è rimasto fisso e funzonante, l’impianto solare termico(!)

Andrea Micangeli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*